Articles

EyeWorld | “la Donna Bionica” inizia con occhio impianto

Utilizzo di Internet come di un pubblico modulo di richiesta, una donna californiana è in cerca di una miniatura videocamera impiantato nel suo protesica occhio

Sclerale shell progettato da William Danz Fonte: Jonathan James

sto cercando di ricreare il mio occhio con l’aiuto di una telecamera in miniatura impianto nel mio protesica/occhio artificiale. L’installazione intraoculare di un eye-cam sostituirà il campo visivo del mio occhio sinistro che ho perso nel 2005 da un incidente d’auto. Mentre la mia protesi è un eccellente sostituto estetico, sono interessato a capitalizzare l’attuale avanzamento della tecnologia per migliorare le capacità della mia protesi per una realtà aumentata.”

No, questa non è l’introduzione alla versione 2007 della serie televisiva Bionic Woman della NBC; è la richiesta pubblica di ingegneri inviata da una donna californiana che cerca di avere una videocamera in miniatura impiantata nel suo occhio protesico.

In seguito al suo grave incidente automobilistico, Tanya Vlach, 35 anni, San Francisco, è riuscita a fuggire con solo una rottura dell’occhio sinistro nel 2005.

Ma non essendo uno per essere soddisfatto vivere con una disabilità, la signora Vlach ha visto questa come un’opportunità per migliorare se stessa e ha iniziato a ricercare le biotecnologie esistenti e la cibernetica come un modo per riparare le lesioni e sostituire le parti del corpo.

“Onestamente stavo pensando a modi per riparare, sostituire o ricreare il mio occhio abbastanza presto—anche prima della mia protesi”, ha detto. “Avevo iniziato a fare domande al mio oculista sull’occhio bionico un paio di mesi dopo aver perso l’occhio. Un paio di anni dopo, quando mi sembrava di aver esaurito tutte le mie opzioni tradizionali in campo medico, ho deciso di perseguire una videocamera in miniatura.”

Ricerca tecnologica assistita da Internet

” Sono un geek di fantascienza, cosa posso dire”, ha dichiarato la signora Vlach. “Ho guardato Star Trek: The Next Generation religiosamente; Ho letto Philip K. Dick e William Gibson. La nuova versione della donna Bionica è venuto fuori intorno allo stesso tempo che l’idea è stata percolando nella mia testa.”

Così, mentre molti avrebbero respinto l’idea di un impianto di videocamera come un sogno irrealizzabile di fantascienza, la signora Vlach era predisposta a tali innovazioni.

Infatti, aveva studiato a scuola come la fantascienza aveva predetto le invenzioni quasi un secolo prima che fossero inventate. Poi ha visto un video su www.youtube.com che raffigurava una simulazione di un eye-drive che potrebbe caricare in una fotocamera, facendole capire che gli altri avevano pensato lungo linee simili già. Ha concluso che non sarebbe stata una grande sfida costruire una fotocamera che potesse essere impiantata all’interno della sua protesi usando la pupilla come obiettivo.

“Allora l’occhio artificiale non sarebbe più solo estetico, sarebbe un dispositivo funzionale il più vicino a un occhio funzionante che potrei ottenere”, ha detto la signora Vlach.

Per aiutare la sua ricerca di ingegneri che potrebbero rendere questa idea una realtà, la signora Vlach ha creato un sito Web,http://tanyavlach.wordpress.com/, che comprendeva un invito per gli ingegneri di presentare le loro proposte.

In risposta, ha detto che circa la metà dei commenti generati dal sito Web erano proposte di ingegneri, e l’altra metà “erano altri one-eyeds mi tifo su, e alcuni che si sono offerti come cavie per il progetto!”

Ad esempio, questo è stato uno dei messaggi che ha ricevuto: “Ho perso il mio occhio destro in Iraq e penso che sia fantastico quello che stai facendo! Vai ragazza!!!! Spero che tutto funzioni per te. È un modo fantastico per aprire la strada alla tecnologia.”

Sfide tecnologiche e finanziarie

La protesi della signora Vlach è stata creata da William A. Danz, BCO, BADO, FASO, il cui bis – bisnonno ha inventato la protesi di vetro in Germania.

La sua protesi è spessa 8 mm sotto l’iride, e il guscio sclerale, che è fatto da polimetilmetacrilato (PMMA) è lungo 21-23 mm. L’iride ha un diametro di 12,25 mm e la pupilla ha un diametro di 4,5 mm.

Ha detto che si è consultata con il Dr. Danz sul suo progetto, e all’inizio non era sicuro. Ma ora è un collaboratore, e sarà scavando e progettare il guscio sclerale che ospiterà la fotocamera occhio.

“Mi sembrava che avesse deciso di voler partecipare alla creazione del futuro dell’occhio protesico”, ha detto la signora Vlach. “Sono entusiasta di lavorare con lui.”

Finora, oltre al Dr. Danz, ha detto che ha selezionato un ingegnere come project manager e insieme, sono in procinto di selezionare altri candidati di ingegneria che sono esperti nella tecnologia necessaria per essere nel team.

Il team attualmente sta speculando una scadenza per una prima generazione eye-cam—un prototipo funzionante per essere debuttato in autunno.

” Sto lavorando con un regista e mi esibirò in un’opera d’arte interattiva al MoMA di New York (Museum of Modern Art) questo autunno”, ha detto. “Quello che vedrò con la mia eye-cam sarà caricabile o in streaming online come componente durante la performance.”

Oltre a capire come far funzionare la tecnologia, l’altro lato dell’equazione sta finanziando il progetto.

La signora Vlach ha dichiarato di aver recentemente vinto un appello da Social Security Income (SSI) per aiutare a pagare il suo debito medico dall’incidente, e dopo che è stato elaborato, avrà rotto anche finora.

Ancora, lei è alla ricerca di donazioni per il progetto, sia finanziario e competenze. ” Continuiamo ad accogliere idee e collaboratori esperti in questo campo”, ha detto la signora Vlach.

Informazioni di contatto
Vlach: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.