Articles

Jim Nabors, homespun Gomer Pyle e cantante della TV, muore a 87

In questo novembre. 14, 1967 foto, cantante e attore Jim Nabors, meglio conosciuto per il suo ruolo di Gomer Pyle su “The Andy Griffith Show,” legge un libro nella sua casa in California. Nabors è morto pacificamente nella sua casa di Honolulu il Giovedi, Novembre. 30, 2017, con suo marito Stan Cadwallader al suo fianco. Aveva 87 anni. (AP Photo/File)▲
In questa foto del 12 giugno 2015, Jim Nabors e il suo amico e collaboratore di lunga data nella commedia Carol Burnett celebrano l’85 ° compleanno di Nabors nella sua casa di Honolulu. Nabors è morto pacificamente nella sua casa di Honolulu il Giovedi, Novembre. 30, 2017, con suo marito Stan Cadwallader al suo fianco. Aveva 87 anni. (John Berger/Honolulu Star-Advertiser via AP, File)▲

HONOLULU — Jim Nabors, il timido Alabaman la cui commedia down-home lo ha reso una star televisiva come Gomer Pyle e la cui voce sorprendentemente operistica lo ha tenuto uno dei preferiti a Las Vegas e in altri luoghi di spettacolo, è morto giovedì. Aveva 87 anni.

Nabors, che ha subito un trapianto di fegato nel 1994 dopo aver contratto l’epatite B, è morto pacificamente nella sua casa alle Hawaii dopo che la sua salute era diminuita nell’ultimo anno, ha detto suo marito, Stan Cadwallader, che era al suo fianco.

“Tutti sanno che era un uomo meraviglioso. E questo è tutto ciò che possiamo dire di lui. Gli mancherà molto”, ha detto Cadwallader.

La coppia si è sposata all’inizio del 2013 nello stato di Washington, dove il matrimonio gay era stato recentemente reso legale. Gli amici di Nabors sapevano da anni che era gay, ma non aveva mai detto nulla ai media.

“È abbastanza ovvio che non avevamo diritti in coppia, ma quando sei stato insieme 38 anni, penso che qualcosa debba accadere lì, devi solidificare qualcosa”, ha detto Nabors a Hawaii News Now al momento. “E alla mia età, è probabilmente la cosa migliore da fare.”

Nabors divenne un successo immediato quando si unì a “The Andy Griffith Show” nei primi anni 1960. Il personaggio di Gomer Pyle, l’unworldly, amabile gas pumper che avrebbe esclamato “Gollllll-ly!”si dimostrò così popolare che nel 1964 la CBS lo interpretò in “Gomer Pyle, U. S. M. C.”

Nello spin-off, che durò cinque stagioni, Gomer lasciò la sua città natale di Mayberry per diventare una recluta marina. La sua innocenza confuse il suo sergente, l’irascibile Frank Sutton.

Il pubblico ha visto un altro lato di Nabors in apparizioni in programmi di varietà televisivi — il suo baritono in piena espansione. Il contrasto tra il suo umorismo homespun (“Il tornado era così male che una gallina depose lo stesso uovo due volte”) e le sue arie operistiche a gola piena era sbalorditivo.

Per due stagioni a partire dal 1969, la CBS ha presentato “The Jim Nabors Hour”, su cui ha scherzato con guest star, ha fatto schizzi con Sutton e il collega veterano di “Gomer” Ronnie Schell, e ha cantato country e opera.

Fuori dal palco, Nabors conservò parte dell’innocenza di Gomer. Al culmine della sua fama nel 1969, ha ammesso, “Per i primi quattro anni della serie, non mi fidavo del mio successo. Ogni fine settimana e in ogni vacanza, vorrei decollare per giocare discoteche e concerti, immaginando il tutto sarebbe soffiare sopra un giorno.

“Sai qualcosa? Trovo ancora difficile credere a questo tipo di accettazione. Ancora non mi fido.”

Dopo la fine del suo spettacolo di varietà, Nabors ha continuato a guadagnare alti stipendi negli showroom di Las Vegas e nei teatri da concerto in tutto il paese. Ha registrato più di due dozzine di album e cantato con le orchestre sinfoniche di Dallas e St. Louis.

Durante il 1970 si trasferì alle Hawaii, l’acquisto di un 500 acri macadamia ranch. Ha ancora fatto il lavoro TELEVISIVO occasionale, e alla fine del 1970, è apparso 10 mesi all’anno presso Hilton hotels in Hawaii. Il ritmo gli ha dato un’ulcera.

“Ero completamente bruciato”, ricordò in seguito. “Avevo avuto con le luci brillanti.

Nei primi anni 1980, la sua amicizia di lunga data con Burt Reynolds ha portato a ruoli in “Stroker Ace”, “Cannonball II” e “The Best Little Whorehouse in Texas.”

Tornò a concerti e spettacoli in discoteca nel 1985, anche se ad un ritmo meno intenso.

“È stato un po ‘come’ The Twilight Zone ‘per me, tutti noi in piedi lì in costumi, le ragazze in lustrini, senza cime”, ha detto all’Associated Press durante il suo ritorno al Las Vegas Hilton. “Mi guardai intorno e dissi alle ragazze:’ Sono abituato ad essere sul retro di un trattore, poi ad essere lasciato cadere in mezzo a questo! E ‘un po’ strano.”

Tra i suoi concerti regolari cantava” Back Home Again in Indiana ” alla 500 Miglia di Indianapolis ogni anno, cosa che fece per la prima volta nel 1972. La prima volta, ha scritto i testi sulla sua mano in modo da non dimenticare.

“Non ho mai pensato (alla reazione del pubblico) di relazionarmi con me”, ha detto Nabors. “È sempre relativo alla canzone e alla gara. E ‘ applaudire per la tradizione della gara e l’emozione.”

La malattia lo ha costretto a cancellare la sua apparizione nel 2007, la prima che aveva perso in più di 20 anni. È tornato a esibirsi all’Indy nel 2008, dicendo: “È sempre la parte principale del mio anno. Ti emoziona fino alle ossa.”

Nabors era un autentico ragazzo del sud della piccola città, nato James Thurston Nabors a Sylacauga, Alabama, nel 1930, figlio di un agente di polizia. Gli attacchi di asma da ragazzo richiedevano lunghi periodi di riposo, durante i quali imparò a intrattenere i suoi compagni di gioco con trucchi vocali.

Dopo la laurea presso l’Università dell’Alabama, ha lavorato a New York City per un certo periodo, e più tardi, a Chattanooga, Tennessee, dove è stato assistente montatore e cantante occasionale in una stazione televisiva.

Nabors si trasferì a Hollywood con la speranza di usare la sua voce. Durante il taglio film alla NBC durante il giorno, ha cantato di notte in un club di Santa Monica.

“Ero lassù sul palco la sera in cui arrivò Andy Griffith”, ricordò Nabors nel 1965. “Mi ha detto dopo,’ Sai qualcosa, ‘ ragazzo? Sei bravo. Portero ‘ il mio manager a trovarti.”

Nel 1991, Nabors ottenne una stella sulla Walk of Fame di Hollywood in cerimonie a cui parteciparono le amiche Carol Burnett, Loni Anderson, Phyllis Diller e Florence Henderson. La sua reazione? “Gollll-ly!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.