Articles

Regina Elisabetta I

Elisabetta I diede il suo nome a un’età d’oro di poeti, statisti e avventurieri. Conosciuta come la Regina Vergine, o Gloriana, la sua unione con il suo popolo è diventato un sostituto per il matrimonio che non ha mai fatto.

Il suo regno, noto come Età elisabettiana, è ricordato per molte ragioni-la sconfitta dell’Armata spagnola, e per molti grandi uomini, Shakespeare, Raleigh, Hawkins, Drake, Walsingham, Essex e Burleigh.

La regina Elisabetta IEra dotata di grande coraggio. Da giovane era stata imprigionata nella Torre di Londra per ordine della sua sorellastra, la regina Maria I, e viveva nella paura quotidiana che sarebbe stata giustiziata come sua madre, Anna Bolena era stata.

Elisabetta, a differenza di sua sorella Maria, era protestante e dichiarò quando divenne regina ‘che non faceva finestre nelle anime degli uomini ‘ e che il suo popolo poteva seguire qualsiasi religione desiderasse.

Era una grande bellezza in gioventù. Aveva gli occhi nocciola, capelli ramati e una pelle bianca, una combinazione sorprendente. Ma nella sua vecchia è diventata piuttosto grottesca in apparenza in una parrucca rossa, con una faccia bianca butterata e alcuni denti marci neri!

Era anche nota per il suo apprendimento, e anche se a volte era ribelle, era generalmente considerata saggia.

Amava gioielli e bei vestiti e aveva un intelletto duro e scettico, che l’ha aiutata a guidare un corso moderato attraverso tutti i conflitti del suo regno, e ce n’erano molti!

Il ritratto dell'Armata di Elisabetta I WKPD

Il suo discorso del 1588 alle sue truppe a Tilbury, redatto per respingere l’esercito del duca di Parma nell’anno dell’Armata spagnola, è spesso citato. Una parte del discorso è ben nota, e la sezione che inizia know “So di avere il corpo di una donna debole e debole, ma ho anche il cuore e lo stomaco di un re d’Inghilterra e penso che Parma o la Spagna o qualsiasi principe d’Europa dovrebbero osare invadere i confini del mio regno”, sta mescolando cose ancora oggi, molti secoli dopo.

I suoi cortigiani, e in una certa misura il suo paese, si aspettavano che si sposasse e fornisse un erede al trono. Fu corteggiata da molti pretendenti, anche suo cognato, Filippo di Spagna, si unì alla folla di uomini sperando di conquistare il suo affetto!

Mary Queen of Scots (HUK) Si dice che il grande amore di Elisabetta fosse Lord Dudley, poi divenuto conte di Leicester, ma il suo fedele, brillante ministro e stretto consigliere, Sir William Cecil, sconsigliò.

Elisabetta poteva essere difficile quando le circostanze avevano bisogno di una mano forte, e quando Maria Regina di Scozia (a sinistra) fu trovata coinvolta in un complotto per usurpare il trono, firmò la condanna a morte di Maria, e Maria fu decapitata al Castello di Fotheringhay nel 1587.

Anche lei potrebbe perdonare. John Aubrey, il diarista, racconta una storia sul conte di Oxford. Quando il conte fece un basso omaggio alla Regina, gli capitò di lasciar andare una scoreggia, alla quale si vergognò così tanto che lasciò il paese per 7 anni. Al suo ritorno la Regina lo accolse e disse: “Mio signore, avevo dimenticato la scoreggia”!

Ci sono molte storie su Elizabeth che rivelano i suoi punti di forza e molto occasionalmente le sue debolezze.

Elisabetta I (CC)Quando il conte di Leicester diede alla Regina le sue scuse per non aver sottomesso Cork in Irlanda, il commento di Elisabetta fu “Blarney”!

I suoi commenti sul matrimonio erano dritti al punto “Dovrei chiamare l’anello nuziale il giogo-anello!”

Sulla sua discesa da Enrico VIII, ha detto, ” Anche se non posso essere una leonessa, io sono un cucciolo di leone, e ereditare molte delle sue qualità.”

Quando le fu detto della nascita di Giacomo, figlio di Maria Regina di Scozia nel 1566, Elisabetta disse: “Alack, la Regina di Scozia è più leggera di un figlio osseo e io sono solo sterile.”

Alla sua morte nel 1603 Elisabetta lasciò un paese che era sicuro, e tutti i problemi religiosi erano in gran parte scomparsi. L’Inghilterra era ora una potenza di prima classe, ed Elisabetta aveva creato e plasmato un paese che era l’invidia dell’Europa.

  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.